Change language

Thank you for supporting glass!

The registration procedure has been completed. From now we will keep you updated with all Friends of Glass activities and achievements.

I believe that glass is good for me, for my family, and for the environment.

Click on one of the icons to join us:

Join by E-mail

I'd like to be kept informed with Friends of Glass news and updates

(You can unsubscribe at any time.)

By joining Friends of Glass, you accept our Terms and conditions

Thanks for your subscription!
Your'e almost there!

We've sent an email to your address. Please confirm this subscription by clicking on the link in the e-mail. Only one more step to go!

Sorry, but your e-mail address already exist!

Please check out your e-mail account if you already received a confirm mail for subscribing Friends of Glass.

Friuli occidentale, al via la raccolta del vetro per colore

A partire da gennaio 2021, nel Friuli occidentale parte la raccolta del vetro per colore, iniziativa promossa da Ambiente Servizi e CoReVe.

Il vetro si sdoppia, per migliorarne la qualità della raccolta dovrà anche essere separato in base al colore. A partire da gennaio 2021, nel Friuli occidentale parte la raccolta del vetro per colore, iniziativa promossa da Ambiente Servizi con il supporto di CoReVe (Consorzio Recupero Vetro).

L’obiettivo del progetto è valorizzare ancora di più i materiali raccolti, in sintonia con le strategie perseguite dall’azienda e che le hanno consentito di raggiungere nel 2019 una percentuale di raccolta differenziata pari all’ 82,47%, con un costo del servizio tra i più bassi d’Italia.

Il progetto targato Ambiente Servizi dal titolo “Il mio vetro è differente”, non solo è di particolare valore ambientale ma rientra nell’ottica dell’economia circolare e si affianca ad un importante investimento di una realtà industriale – Julia Vitrum – che presto si insedierà in Zona industriale Ponte Rosso e prevede come core business il riciclo e recupero del vetro colorato.

A partire da giovedì 28 gennaio partirà a San Vito al Tagliamento la raccolta differenziata del vetro con la sostituzione dei contenitori attualmente sul territorio con quelli nuovi. La cittadina friulana vanta una lunga tradizione con il mondo del vetro.

vetro

I nuovi contenitori sono realizzati con plastiche riciclate, per ricevere in uno tipo il vetro colorato e nell’altro quello bianco o non colorato.

Non cambieranno, di fatto, le attuali abitudini sulla corretta separazione e conferimento degli imballaggi in vetro: gli imballaggi in vetro non colorato andranno conferiti nel contenitore con il coperchio bianco, mentre gli imballaggi in vetro colorato nel contenitore con il coperchio verde.

Inoltre, il servizio sarà svolto con i nuovi mezzi a biometano che consentiranno una riduzione dei carichi di lavoro per gli addetti alla raccolta. Un progetto a 360 gradi che migliorerà la qualità del servizio erogato, puntando a una maggiore efficienza per ridurre al minimo ogni impatto ambientale.

I nuovi veicoli acquistati dalla società consentiranno di limitare le emissioni di CO2 durante le raccolte (circa il 25% in meno rispetto al gasolio) e di ridurre significativamente i carichi di lavoro a cui erano sottoposti gli addetti. “Se prima l’operatore doveva necessariamente scendere dal mezzo per completare le operazioni di carico, grazie ai nuovi veicoli lo svuotamento dei contenitori avverrà in modo automatico attraverso l’utilizzo del caricatore laterale”.

Si va dunque su una linea di piena sostenibilità ambientale coniugata con la sicurezza sul lavoro per una migliore qualità della vita di tutti.

Il Sindaco di San Vito al Tagliamento, Antonio Di Bisceglie: “Il progetto di raccolta differenziata del vetro colorato e incolore rappresenta una iniziativa particolarmente innovativa già in atto nei Paesi nordici, che contribuirà a portare l’Italia sui livelli di eccellenza in Europa. Iniziativa pienamente sostenuta dai Comuni soci di Ambiente Servizi, che segue il percorso dell’economia circolare. Sarà importante un’azione corale nella differenziazione perché la soluzione più semplice e meno costosa, collaudata nei Paesi che hanno raggiunto alti livelli di recupero e riciclo, è quella della separazione “manuale” e dunque con il contributo degli utenti. Va inoltre ricordato che l’iniziativa concorre nell’accedere a contributi utili al calmieramento delle tariffe.”