Change language

Thank you for supporting glass!

The registration procedure has been completed. From now we will keep you updated with all Friends of Glass activities and achievements.

Sono convinto che l’utilizzo del vetro porti benefici a me, alla mia famiglia e all’ambiente

Clicca su una delle icone per unirti a noi:

Partecipa via email

Vorrei ricevere notizie e aggiornamenti su Friends of Glass.

(puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento).

Iscrivendoti a Friends of Glass, accetti i nostri Termini e Condizioni d’uso

Thanks for your subscription!
Your'e almost there!

We've sent an email to your address. Please confirm this subscription by clicking on the link in the e-mail. Only one more step to go!

Sorry, but your e-mail address already exist!

Please check out your e-mail account if you already received a confirm mail for subscribing Friends of Glass.

LO SPRECO ALIMENTARE SI COMBATTE IN CASA. LA CHIAVE? ACQUISTARE E CONSERVARE IN MODO CONSAPEVOLE.

Lo spreco alimentare vale 15 miliardi di euro, e l’80% si fa in casa. Non siamo poi così zerowaste come ci piacerebbe, a quanto pare.

Lo spreco alimentare vale 15 miliardi di euro, e l’80% si fa in casa. Non siamo poi così zerowaste come ci piacerebbe, a quanto pare.

Food Waste

In Italia, infatti, ogni anno vengono sprecate oltre 2.200.000 tonnellate di cibo. Si tratta di più di 36 Kg a testa e un valore di quasi 12 miliardi di euro che, sommati ai 3 miliardi della filiera, producono un totale di 15 miliardi di euro di spreco. Parliamo dello 0,86% del Pil del 2018. Lo afferma il rapporto Waste Watcher 2020, che sarà presentato il 5 febbraio 2020 in occasione della settima giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Salute.

La cosa più sconcertante, però, è proprio che la gran parte dello spreco avviene in casa e rappresenta circa l’80% della filiera complessiva. Eppure, pensiamo che stiamo addirittura migliorando. Infatti, nel 2014 un italiano su due affermava di gettare cibo quasi ogni giorno, mentre nel 2019 solo l’1% degli intervistati ha dichiarato di sprecare il cibo quotidianamente.

Ma come fare ad abbandonare per sempre questa pessima abitudine ed evitare così che una tale quantità di cibo venga sprecata nel nostro Paese?

Assumere comportamenti di acquisto consapevoli è sicuramente il primo passo. Acquistare ciò che sappiamo di poter o voler consumare, in quantità adeguate, e senza riempire a dismisura il frigorifero di cibo che poi non riusciremo a consumare prima della sua scadenza.

Imparare a leggere le etichette e fidarci del nostro olfatto. Uno yogurt scaduto oggi, ma anche ieri, è ancora buono nel 99% dei casi e non è necessario buttarlo. Non parliamo poi delle confezioni di cibo con la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro”. La chiave è proprio in quel preferibilmente. Significa che quel cibo manterrà inalterate tutte le proprie caratteristiche organolettiche fino alla data indicata, ma che si può consumare anche dopo.

Seguire la regola del First in-first out è un altro ottimo modo per azzerare gli sprechi. Cosa significa? Si consumano prima gli alimenti con scadenze più vicine o che si sono acquistati prima. Molto facile e molto efficace.

Conservare i cibi in modo adeguato. Imparare a posizionare nel frigorifero gli alimenti nei ripiani più adatti alla loro conservazione e, certamente, prediligere i contenitori in vetro. Come sappiamo, infatti, il vetro non assorbe nulla dagli alimenti o alle bevande che contiene e non rilascia nulla al suo contenuto. Ecco perché è il contenitore più adatto per preservare la qualità e la freschezza dei cibi più a lungo, garantendo un minor spreco di cibo.
Inoltre, i contenitori e i vasetti di vetro, essendo trasparenti, ti consentono di tenere sempre sotto controllo il contenuto e di non dimenticare in frigorifero qualche alimento.

Non solo in frigo, comunque. Il vetro è perfetto anche per riorganizzare la dispensa in ottica Zerowaste. Prediligere cereali e legumi sfusi, e conservarli in magnifici mason jar di vetro è un modo fantastico per ridurre il consumo eccessivo di imballaggi e, diciamocelo, rende la dispensa davvero bellissima.

Dispensa con barattoli di vetro