Change language

Thank you for supporting glass!

The registration procedure has been completed. From now we will keep you updated with all Friends of Glass activities and achievements.

I believe that glass is good for me, for my family, and for the environment.

Click on one of the icons to join us:

Join by E-mail

I'd like to be kept informed with Friends of Glass news and updates

(You can unsubscribe at any time.)

By joining Friends of Glass, you accept our Terms and conditions

Thanks for your subscription!
Your'e almost there!

We've sent an email to your address. Please confirm this subscription by clicking on the link in the e-mail. Only one more step to go!

Sorry, but your e-mail address already exist!

Please check out your e-mail account if you already received a confirm mail for subscribing Friends of Glass.

World barista day. Caffè shakerato e coppa martini

In occasione del world barista day, prepariamoci un caffè shakerato e riscopriamo la storia dell'iconica coppa martini.

Oggi, primo marzo, è la giornata internazionale del barista, o world barista day. Si avvicina la stagione calda, le giornate si allungano: un’occasione per celebrare questa ricorrenza con un buon caffè shakerato, servito come da tradizione nell’intramontabile coppetta da cocktail in vetro, o coppa martini.

caffè shakerato in coppa martini

Un po’ di storia

Come da copione, trucco fondamentale per la buona riuscita della miscela è che il bicchiere sia freddo. Mettiamolo dunque a refrigerare, e nel frattempo diamo una rinfrescata anche alla sua storia. Chiunque ha ben in mente il profilo slanciato e la coppa a cono che hanno reso il bicchiere iconico. Ma forse non tutti sanno che è il 1925 l’anno in cui, per la prima volta, il suo limpido vetro ha calcato le scene. Presentato al pubblico durante l’Esposizione Universale di Parigi, il bicchiere da martini non è più stato “abbandonato” dai riflettori della ribalta. La sua origine in realtà precede questa data, per perdersi nei fumi del passato (e nel fumi dei primi cocktail bar). Leggenda vuole infatti che fosse stato utilizzato nella preparazione del primo Dry Martini, ideato da un omonimo bartender  per il rinomato John D. Rockfeller.

Adesso un balzo in avanti: reso iconico anche dal personaggio di James Bond (che voleva il proprio drink “agitato, non mescolato!”), è ottimo per le preparazioni che hanno necessità di rimanere fredde, data l’alzata che ne garantisce una corretta impugnatura. Il gambo affusolato e stretto consente infatti una presa salda, che non riscaldi il contenuto della coppa. La sua limpidezza consente di gustare con gli occhi la miscela e di apprezzarne eventualmente la composizione in strati, di cui il colore è mantenuto inalterato. Non solo: ricordiamo inoltre che, come ogni recipiente in vetro, ha il grande pregio di mantenere intatto, esaltando al meglio, il sapore degli ingredienti! Per tutti questi motivi, cui si aggiunge una grande versatilità (dal Martini al Cosmopolitan, al nostro analcolico caffè shakerato, tutti richiedono una coppa martini) e un profilo leggero ed elegante, resta in assoluto simbolo e icona di ogni bere miscelato.

La ricetta

Torniamo allora alla nostra preparazione. Lo shakerato è una bevanda dalla realizzazione estremamente semplice, che deve la sua riuscita a pochi essenziali “trucchi”: una miscela non troppo amara, il sopracitato bicchiere dallo stelo allungato e l’utilizzo di uno zucchero liquido.

Mettiamoci all’opera:

  • mentre lasciamo a raffreddare la coppa martini, riempiamo lo shaker con una decina di cubetti di ghiaccio, e uniamo lo zucchero liquido (che volendo può essere sostituito da uno sciroppo di nocciola o mandorla).
  • travasiamo il caffè nello shaker. È importante che questo sia l’ultimo ingrediente ad essere inserito, così che il ghiaccio non si sciolga troppo rapidamente. La bassa temperatura della miscela fa sì che la schiuma rimanga corposa e e compatta. Chiudiamo e mescoliamo con decisione per una dozzina di secondi.
  • versiamo, filtrando il ghiaccio, la nostra miscela nel bicchiere precedentemente raffreddato. 
Abbiamo ora tutto l’occorrente per un buon barista day. E, come i migliori baristi, potremo intrattenere i nostri ospiti raccontando la storia dello storico bicchiere.