Change language

Thank you for supporting glass!

The registration procedure has been completed. From now we will keep you updated with all Friends of Glass activities and achievements.

I believe that glass is good for me, for my family, and for the environment.

Click on one of the icons to join us:

Join by E-mail

I'd like to be kept informed with Friends of Glass news and updates

(You can unsubscribe at any time.)

By joining Friends of Glass, you accept our Terms and conditions

Thanks for your subscription!
Your'e almost there!

We've sent an email to your address. Please confirm this subscription by clicking on the link in the e-mail. Only one more step to go!

Sorry, but your e-mail address already exist!

Please check out your e-mail account if you already received a confirm mail for subscribing Friends of Glass.

L’OLIO? MEGLIO IN BOTTIGLIE DI VETRO

Secondo uno studio dell’Università del Piemonte Orientale – Alessandria, il vetro è un packaging insostituibile per mantenere il gusto dell’olio e preservare sostanze importanti per la salute

L’olio è senza dubbio uno dei prodotti simbolo del “Made in Italy” e dei sapori italiani nel mondo. Per conservarne tutte le proprietà, per mantenere inalterate le sfaccettature del sapore, per proteggere le sostanze preziose per la salute, il vetro rappresenta il contenitore ideale.

Scopriamo perché…

Secondo lo studio condotto dal professor Emilio Marengo del Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica Università del Piemonte Orientale – Alessandria, conservare l’olio in bottiglie di vetro scuro permette di avere: più antiossidanti naturali, minori concentrazioni di nichel e un contenuto maggiore di sostanze volatili, cioè aromi, che accentuano gusto e profumo di questo prodotto.

Per il suo studio, il Professor Marengo ha studiato campioni di olio extravergine imbottigliato in diversi contenitori: bag-in-box, PET, latta, bottiglia di vetro chiaro e di vetro verde UVAG (scuro).

Per quanto riguarda i metalli, zinco e nichel presentano concentrazioni diverse a seconda del tipo di contenitore: la concentrazione del nichel, un metallo allergenico e tossico, risulta maggiore nei campioni conservati nella latta e nel bag-in-box, mentre quella dello zinco, un micro-elemento essenziale, presente in svariati enzimi, risulta maggiore nel vetro verde UVAG.

I risultati hanno mostrato che il contenuto di quercetina, un importante antiossidante naturale, diminuisce progressivamente nel tempo in tutti i contenitori, ma la diminuzione è meno marcata nei campioni conservati nel vetro verde UVAG (scuro).

La ricerca si è occupata anche dell’aroma o profumo, che deriva dall’insieme di numerose sostanze chiamate “osmofore” (ne sono state individuate 104) e che sono in grado di caratterizzare la freschezza, la genuinità e la qualità di un alimento. L’analisi ha sottolineato che i contenitori di vetro hanno un contenuto di composti volatili maggiore rispetto agli altri. Questo significa che nel vetro si mantiene più a lungo anche la ricchezza iniziale del profumo!  

Infine, anche l’ambiente vince quando si scelgono le bottiglie in vetro. Nel corso degli anni, infatti, le bottiglie di vetro sono diventate sempre più leggere e sempre più vengono prodotte attraverso rottame di vetro cioè il vetro che proviene dalla raccolta differenziata. Questo significa un grande risparmio di materie prime e di energia per produrre nuovo vetro e, di conseguenza, meno emissioni di CO2 nell’atmosfera!